EXTRA TREK

Star Trek All Series Channel

© 2017-2019  extratrek.com @ All rights resevered.

extratrek@gmail.com

STAR TREK©​ è un marchio registrato  da CBS Corporation e Viacom, info sul suo uso in questo sito qui

info sul suo uso di altri Marchi in questo sito qui

STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   SCI-FI   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   SCI-FI   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   SCI-FI   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   SCI-FI   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   STAR TREK DISCOVERY   -   STAR TREK PICARD   -    STAR TREK LOWER DECKS   -   SCI-FI   -

LOGOExtraTrekvergine.PNG

facebook
twitter
youtube
instagram
telegram6
12/06/2019, 11:01

Mego, A.M.T.



Toys-made-from-Star-Trek-,-ovvero-i-giocattoli-Trek-e-pseudoTrek-(Seconda-parte)


 Il collezionismo sviluppatosi negli ultimi 10/20 anni ha cambiato le regole commerciali



Nel precedente articolo, prima parte di una lunga ma interessante disamina sui giochi made in Star Trek, abbiamo partlato della Mego, concludendo con il suo fallimento, dovuto, anche ma non solo, al flop ai botteghino del primo film della Saga cinematografica dell’universo Roddenberriano.

Ma Il collezionismo sviluppatosi negli ultimi 10/20 anni hainfine cambiato le regole commerciali, pertanto quelli che negli anni ’70 e ’80 eranodei ragazzi che frequentavano la scuola elementare oggi sono degli ultraquarantenni, che per un mix di passione e nostalgia sono ben disposti a spendere30 o 50  euro (e in alcuni casi molto dipiù) per un’ action figure di Spock. Così dalle sue ceneri la Mego è risorta proprio di recentecon tutto il suo catalogo classico (e qualche novità), Star Trek compreso. 

Ma veniamo a uno dei pezzi forte dell’argomento: la AMT, alsecolo Aluminum Model Toys company. A prescindere da Star Trek, chi ha familiarità con ilmodellismo conosce bene la AMT per i suoi Kit di automobili, aerei equant’altro, o per lo meno la conosceva fin quando in Italia c’erano importatoridisposti ad investire su un settore (il modellismo appunto) che comunque eraflorido, settore che non ha avuto un ricambio generazionale tra i clienti,diventando sempre più di nicchia. Per fare un timido raffronto, chi scrive vivein un paese di circa 25mila abitanti, nel quale 30 anni fa c’erano 3 negozi dimodellismo, oggi ce n’è solo uno e specializzato quasi unicamente in artepresepiale. 

Ma delle conseguenze Italiche di questi aspetti parleremotra poco, quello che vale la pena dire è che la collaborazione tra Star Trek eAMT ha rappresentato un importante passaggio nello sviluppo del Franchising. I diritti vennero acquisiti praticamente gratis, con la AMTche si impegnò a realizzare la costruzione della mitica navetta Galileo agrandezza (quasi) naturale. Successivamente anche altri prodotti della AMTfinirono per essere utilizzati nelle serie e anche nei film, tra cuil’incrociatore da battaglia Klingon e la Enterprise A, ciò a testimonianza di quantofossero qualitativamente validi i prodotti. 

Ed infatti il solo modellino della Enterprise TOS ha vendutocosì tanto da fare la fortuna della AMT, al punto da sviluppare un catalogovastissimo che comprendeva anche la Navetta Galileo,l’Incrociatore da Battaglia Klingon, le navi Romulane, oltre alle edizionispeciali dell’Enterprise con inclusa la SS Botany Bay e dell’Enterprise"Cut-Away", con la possibilità di vedere gli interni (sebbene fossero dei semplici adesivi da applicare). 

La AMT non si limitò a produrre ottimi Kit delle navicelle,ma anche diverse statue tra cui Kirk, Bones e Spock (successivamente venneroaggiunti anche Quark e Odo) ed il famoso "Exploration Kit" che includevaPhaser, Comunicatore e Tricorder, di sicuro più fedeli agli originali rispettoa quelli della Mego, ma con l’unico piccolo problema di essereanch’essi...rimpiccioliti e quindi non esattamente in scala 1:1. 

Con l’arrivo al cinema dei successivi film della saga e delle nuove serietelevisive, il catalogo AMT si espanse, includendo la Enterprise Refit, laReliant e l’Excelsior e, quando uscì The Next Generation ed i relativi film, vennero aggiunte la Enterprise D, lo sparviero Klingon, la stazione spazialeDeep Space 9, la Defiant e molto altro. 

Bisogna dire che alcuni di questi Kit, in primis quellodella Enterprise, venivano di volta in volta, per modo di dire, "aggiornati", per cui all’uscita di Star Trek V, veniva proposto il Kit perl’Enterprise A, ottenuto dagli stessi identici stampi e pezzi del Kitdell’Enterprise Refit di The Motion Picture, con con l’aggiunta di una navetta "ovviamente" fuori scala e delladecalcomania della A. Successivamente quando uscì Star Trek VI, il relativo Kitera esattamente lo stesso uscito per il fim precedente, con il solo cambio delle immagini sulla confezione.

Chiaramente un modellista che aveva acquistato il Kit dellaEnterprise di Star Trek V non avrebbe acquistato anche quello di Star Trek VI. Tra l’altro, per quanto fossero di ottima fattura, i modellidella AMT mancavano di un aspetto importante, che minava la verosimiglianzarispetto alle versioni cinematografiche: non avevano tenuto conto delcosiddetto "pattern azteco" con cui erano state elaborate le superfici(soprattutto le sezioni a disco) delle navi della flotta. 

Il "pattern azteco" è una sorta di disegno che gli artisti di The Motion Picture realizzarono sulla Enterprise Refit (e che inminima parte venne cancellato nei film successivi poiché optarono per unosbiancamento della nave per questioni tecniche dovute alle riprese), bastasoffermarsi un istante ad osservare la Enterprise per accorgersi che i coloridifferenti con cui erano stati realizzati i pannelli che compongono lo scafonon sono posizionati a caso ma secondo uno schema preciso che la AMT, a dire laverità, interpretò... a modo suo (ci risiamo). 

A parte questa pecca (o scelta stilistica che dir si voglia),che costringe i modellisti ad un lavoro più articolato, per il resto i Kit della AMT sono ancora oggi un punto di riferimento, sia per l’intero merchandisinglegato a Star Trek che per il mondo del modellismo.

La AMT oggi esiste ancora sebbene assorbita prima dalla Ertle successivamente dalla Round 2, azienda che ha inglobato in se anche la PolarLights, altra compagnia specializzata in modelli da assemblare di livelloelevatissimo.


1
USS.DiscoverySiate intrepidi,
Siate audaci,
Siate Coraggiosi
Christopher PikeJean-Luc PicardIl comando pensa che i disadattati siano utili
Ci tengono occupati.
Chi è strano è divertente
Philippa Georgiou

 Star Trek All Series Channel - Star Trek News Italia - Fanpage

MISSION.

  • LIVE INTERNET

  • VIDEO

  • NEWS

  • ​RECENSIONI

EXTRA TREK DISCOVERY

{

Diretta live Facebook inerente Star Trek Discovery e ad altri Filim e Telefilm Sci-Fi

 

  • Intervernti scritti e Telefonici da parte degli ascoltatori tramite il Centralino Extra Trek

  • Approfondimenti dal mondo della Fantascienza

  • News dal mondo di Star Trek e non solo

 

Centalino raggiungibile al numero +39 366 34 17 663

 

eyJpdCI6IkRJcmV0dGEgRXh0cmEgVHJlayJ9eyJpdCI6IkRJcmV0dGEgRXh0cmEgVHJlayJ9eyJpdCI6IkRJcmV0dGEgRXh0cmEgVHJlayJ9

L'INTERVISTA 

di antonio palazzo

Antonio durante i suoi viaggi, fa visita a convention e fiere Intervistando varie persone legate al mondo della fantascienza o dello spettacolo 

{

EXTRA TREK 

COFFEe EXPRESS

Un countdown di 10 Minuti scandito da un timer sonoro minuto per minuto,

che porta alla fine della trasmissione,  una versione light  di Extra Trek.

il nostro team.

ANTONIO PALAZZO

Redazione Editoriale - Inviato

GIANNI TAGLIAFERRI

Redazione Editoriale - Conduttore Live

CLAUDIO FINAZZI

Editore - Conduttore Live

TIZIANO REA

Redazione Editoriale

SERGIO RAFFAELE DI BARLETTA

Redazione Editoriale - Traduttore

ARIANNA AGOTANI

Opinionista Jason Isaacs

GIULIA SANTILLI

Voce Extra Trek

onestÀ

intellettuale.

Extra Trek è un sito web per Fan creato da Fan.

 

i componenti della nostra redazione dedicano il loro tempo libero nella produzione di articoli, contenuti video e dirette live .

 

Non solo; si impegnano ogni giorno per cercare di tradurre e portare sui vostri dispositivi le notizie

e i vari contenuti multimediali che trovano nella rete internet mondiale,

senza impossesarsi delle idee o degli articoli altrui,

specificando sempre la fonte originale.

 

Crediamo che l'onesta, la verità, che sono alla base del pensiero del creatore di Star Trek

Gene Roddenberry debba accompagnarci ogni giorno nel nostro piccolo, 

in tutto quello che facciamo.

 

più info qui

 

{

"La razza umana è una creatura straordinaria, con un grande potenziale, e spero che Star Trek abbia contribuito a mostrarci cosa possiamo essere se crediamo in noi stessi e nelle nostre capacità."


Gene Wesley Roddenberry​ 

El Paso, 19 agosto 1921

Santa Monica, 24 ottobre 1991

info&

contacts.

Create a website